ecoSIM ed eSIM: facciamo chiarezza sulle differenze

di Wired 25 Luglio 2022 • 4 minuti

Condividi articolo:

Più sostenibili, perché prodotte con plastica riciclata, o del tutto virtuali: parliamo delle SIM che stanno cambiando volto alla telefonia mobile. Una rivoluzione che investe consumatori, operatori telco e anche i colossi del settore tech.

Per cambiare il mondo dobbiamo impattare meno, siamo tutti d’accordo. E per farlo, bisogna partire dalle piccole cose. Anche quelle oggettivamente piccole, come le SIM, le schede che vengono inserite nei telefoni mobili e con cui gli operatori identificano, grazie a un codice univoco (IMSI), i clienti e il relativo numero di telefono associato. Grazie alla SIM, telefoniamo ma al tempo stesso archiviamo contatti e messaggi. Tutte procedure che conosciamo, ormai è il caso di dirlo, da sempre: quante volte, tra l’altro, ci siamo giustificati dicendo «ho perso il tuo numero, è rimasto nella vecchia SIM»?

I cassetti di casa pullulano di device ormai obsoleti, ma l’obsolescenza riguarda ormai da tempo anche il tradizionale concetto di SIM (l’acronimo sta per Subscriber Identification Module). Nuovi formati si erano già affacciati sulla scena, portando agli utenti SIM di dimensioni decisamente più ridotte (micro, nano): ma con l’avvento di ecoSIM ed eSIM la partita si fa più interessante per i consumatori e più conveniente per il pianeta.

Cosa sono e quali differenze presentano?

Chiariamo subito le peculiarità di questi due tool. L’ecoSIM, omen nomen, è una SIM prodotta con plastica riciclata. Un passo avanti rilevante rispetto a una SIM tradizionale, sebbene la carta resti fisica e necessiti di processi industriali per arrivare al cliente. Una ecoSIM è un perfetto esempio di circolarità. Non è azzardato dire che, nella vostra nuova ecoSIM, potrebbe esserci la plastica del vostro vecchio frigorifero. Quando si smaltiscono i Raee (i rifiuti elettrici ed elettronici), infatti, tantissimi materiali utili (dalle plastiche ai metalli) restano in circolo e possono essere destinati a nuovi prodotti. 

Fisica sì ma sostenibile

Con il giusto approccio, e con tanta ricerca e sviluppo, come possono confermare i produttori, il polistirene di un frigorifero può diventare un materiale per un prodotto di eco-design che offre le stesse prestazioni delle SIM tradizionali. Ma certamente impatta meno e avvicina il cliente a una consapevolezza ecologica diversa. Per essere più sostenibili, conta anche una visione olistica: il packaging della Sim deve a sua volta diventare green e va compensata l’impronta di altre componenti. Le SIM sono piccole ma non per questo poco impattanti. Soprattutto a fronte di un fenomeno ormai dato: al mondo ci sono, quantitativamente, più SIM che persone. L’ultimo Ericsson Mobility Report rivela che, a fine 2021, gli abbonamenti alle reti mobili hanno raggiunto quota 8,2 miliardi, con Cina, Usa e Pakistan che trainano, in particolare, gli incrementi. Nuovi abbonamenti telefonici mobili equivalgono a nuove SIM: nel 2022, secondo una ricerca, gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di C02, di cui larga parte sarà il risultato “dalla spedizione, dalla produzione e dal primo anno di utilizzo di 1,4 miliardi di dispositivi” che saranno introdotti nell’arco dei dodici mesi. 

C'è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti.

Henry Ford

Un cambio di passo più deciso

L’evoluzione naturale di questo scenario porta verso il passaggio alle eSIM, per un cambio di passo molto più radicale. Sarà possibile, proprio come prima, attivare un piano cellulare con un operatore, ma non sarà più necessario usare una SIM fisica, in quanto quella virtuale è embedded. Il concetto è chiaro: questa SIM è integrata nello smartphone e si attiva scannerizzando un Qr code che si acquista con lo scopo di attivare il servizio, appunto. Naturalmente, è necessario che l’operatore telefonico supporti l’eSIM, ma anche lo smartphone deve essere compatibile. 

esim e ecosim

Qualche anno fa, lo sdoganamento della eSIM da parte di un gigante tech, prima sul fronte wearable, poi su quello smartphone, aveva fatto intuire dove soffiasse il vento nel perimetro dei produttori di device. Se nel nostro immaginario la SIM è associata all’operatore telefonico, i temi di design sono a carico delle grandi case produttrici. Una SIM tradizionale ha bisogno, anche nella sua versione più miniaturizzata, di uno slot per l’alloggiamento e di un ingresso. Uno smartphone progettato per un utilizzo esclusivo della eSIM sarà quindi uno step nuovo, anche in termini di progettazione. Le eSIM, insomma, in un verso o nell’altro, ci traghetteranno nel futuro. E ci daranno vantaggi non indifferenti. Non ci preoccuperemo più di eventuali rotture della schedina. Non la toglieremo pensando di risolvere problemi che, in realtà, nulla hanno a che fare con la Sim. Faremo a meno di altra plastica, quella della schedina ma anche degli imballaggi che la custodiscono. Continueremo a cambiare operatore, chiaro, ma anche ad avere, eventualmente, più eSIM. L’importante è stare al passo e continuare a comunicare.

CoopVoce lancia ecoSIM ed eSIM

Il futuro inizia già a partire da oggi. Anche CoopVoce si impegna nell’ambito della sostenibilità e, con l’obiettivo di ridurre la propria impronta ecologica, lancia due nuovi prodotti che andranno a sostituire la scheda fisica tradizionale: ecoSIM ed eSIM, un’accoppiata vincente!

Le SIM ecosostenibili sono caratterizzate da dimensioni ridotte del 50% rispetto alle SIM tradizionali e vengono prodotte con plastica riciclata: 100% in polistirene recuperato da frigoriferi usati (anche il card body) e un packaging eco-friendly.

Le SIM virtuali, invece, consentono di usufruire di tutti i servizi CoopVoce in maniera semplice e intelligente, a patto di possedere uno smartphone compatibile. Zero tempi di consegna perché si installano in pochi minuti. Sono pratiche, non bisogna conservare nulla e non si possono smagnetizzare. Permettono di avere più numeri sullo stesso smartphone. Sono ecologiche: non essendo fisiche, non prevedono imballaggi.

Con ecoSIM e eSim di CoopVoce siamo tutti più Smart!

Suggeriti per te